27
set

Esposizione Manus X Machina al Metropolitain Museum Of Art

L’architetto responsabile Shohei Shigematsu della società OMA New York ha scelto NEWMAT per la dotazione e l’installazione dei 2800m² di telo che danno alla mostra “La moda nell’era della tecnologia” presentata al Metropolitan Museum of Art quella trasparenza aerea tipica di una «cattedrale eterea».
OMA New York ha immerso l’atrio centrale e i corridoi dell’ala Lehman in un’atmosfera di candore traslucido che addolcisce i contorni dell’architettura di mattone e di pietra grezza dell’ala Lehman.

L’intelaiatura utilizzata per creare lo spazio e il rivestimento con i teli NEWMAT introducono una temporalità unica in quest’edificio impregnato di storia. L’architettura classica delle forme scelte è stata concepita per intonarsi con l’architettura esistente del Museo. I teli NEWMAT danno all’insieme la neutralità necessaria al visitatore per apprezzare la ricchezza dei dettagli delle parure esposte.

L’ingresso dell’esposizione è un lucernario che conduce i visitatori verso un abito da sposa Chanel creato nel 2014 da Karl Lagerfeld, che simbolizza lo spirito della mostra nel suo insieme. I dettagli dei motivi barocchi dello strascico di quasi due metri di lunghezza sono proiettati sulla cupola rivestita per questo scopo con una membrana NEWMAT opacizzante, per un risultato finale che non può non ricordare la Cappella Sistina.

Il telo perforato su misura della cattedrale eterea apporta una varietà di gradazioni di trasparenza, e la flessibilità richiesta dalla geometria delle cupole. Quando sono esposti a illuminazione frontale, i teli offrono un’opacità sufficiente per servire da supporto alla proiezione dei dettagli dei tessuti esposti. Tuttavia, quando sono retroilluminati, offrono una resa trasparente, che svela pudicamente delle caratteristiche dell’identità materiale e architettonica dell’ala Lehman. La profondità spaziale sorprendente del telo permette un contatto visivo con il punto centrale dell’esposizione da qualsiasi punto di vista dell’ala Lehman, rivelando completamente le sagome effimere delle intelaiature ospitate da quest’ultima.

Maggiori informazioni sull’esposizione
Manus X Machina sui social network